Partiti e associazioni ieri in Piazza Torre per un appello: “Basta violenze nella striscia di Gaza, libertà per il Popolo Palestinese”

 

La discussa apertura dell’ambasciata USA di qualche giorno fa a Gerusalemme ha generato la protesta generale dei palestinesi a cui l’esercito israeliano ha risposto con le armi, il risultato: 59 persone uccise a cui si aggiungono quasi 3000 feriti.  Un conteggio, purtroppo, non ancora definitivo. (fonte IlFattoQuotidiano)

Vista la situazione drammatica, è stato lanciato ieri da Modena un appello pubblico per la cessazione dei massacri. Diverse associazioni e partiti si sono dati appuntamento ieri sotto la Ghirlandina per ricordare i tristi accadimenti delle ultime settimane sul confine israeliano e per sensibilizzare la popolazione modenese su un tema conosciuto ormai da tutti ma che molti tendono spesso a dimenticare.

Nonostante la presenza così variegata di realtà politiche ed associazioni del territorio non c’è stato alcun tipo di rappresentanza istituzionale e le uniche bandiere a sventolare ieri sotto la Torre erano quelle della Palestina e quelle arcobaleno della Pace. Forse nessuno ha ritenuto “opportuno” presentarsi sventolando il proprio vessillo, evitando così strumentalizzazioni e becere forme di autopropaganda.

Erano presenti al presidio rappresentati di CGIL, Alkemia, Casa per la Pace, Rifondazione Comunista, Potere al Popolo, Possibile e Sinistria Italiana