“La Coemar Lighting srl ha palesato difficoltà nel dare seguito all’aggiudicazione avvenuta a metà aprile e conseguentemente garantire la continuità lavorativa dei 50 dipendenti, come previsto nell’accordo da noi sottoscritto il 22 dicembre 2017”. Questa la difficile situazione che mette a rischio  50 posti di lavoro alla Martini di Concordia

 

Presso il Tribunale ci sarà un incontro dove l’amministratore di Martini sas presenterà ulteriori spiegazioni sulla sostenibilità della proposta di concordato in cui si prevedeva, tra le altre cose, la cessione dell’azienda a Coemar Lighting srl.

Fiom, Fim ed RSU però ritengono ci si trovi davanti una situazione “insostenibile” che crea incertezza nel futuro dei lavoratori:

“Purtroppo – scrivono –  nell’incontro presso la Regione Emilia-Romagna e nella prosecuzione della giornata non sono emersi elementi che ricompongano la frattura che si è venuta a determinare tra Martini sas e Coemar Lighting srl. Quest’ultima, a fronte dei problemi che si sono determinati negli ultimi giorni, ha palesato difficoltà nel dare seguito all’aggiudicazione avvenuta a metà aprile e conseguentemente garantire la continuità lavorativa dei 50 dipendenti, come previsto nell’accordo da noi sottoscritto il 22 dicembre 2017.

Fiom, Fim, unitamente alle RSU, ribadiscono l’assoluta necessità che le liti e le incomprensioni tra le due parti non debbano in alcun modo mettere a rischio la continuità aziendale e conseguentemente i posti di lavoro. Ora non è il tempo di cercare responsabilità, ma di cercare soluzioni che possano ristabilire le condizioni per mantenere l’azienda sul territorio e garantire ai lavoratori una certezza occupazionale oggi messa a rischio.”