Nell’ambito del Progetto periferie, con la prima finestra assegnati circa 46.700 euro a fronte di investimenti per circa 102.500. La seconda finestra si chiude lunedì 15 ottobre

È stata stilata la graduatoria delle attività che hanno presentato domande per ricevere contributi con il secondo bando del Comune di Modena per le attività economiche nella zona Gramsci nell’ambito del Progetto Periferie (“Ri-generazione e innovazione”, programma di riqualificazione urbana e sicurezza dell’area nord di Modena).

Dopo la scadenza il 31 maggio della “prima finestra” del bando, sono stati assegnati contributi per 17.483,80 euro su 110 mila disponibili, a fronte di investimenti proposti per complessivi 35.939,50 euro, per finanziare interventi di riqualificazione di tre attività, e altri 29.214,74 euro (su 60 mila disponibili) a fronte di investimenti per complessivi euro 66.505,66 a sostegno dell’apertura nella zona interessata di due attività nuove.

I contributi per la riqualificazione sono stati concessi alla Eti srl installazione assistenza caldaie con sede in viale Gramsci 12, che ha proposto come interventi la sostituzione delle vetrine, un nuovo software gestionale e attività di formazione dei dipendenti (contributo di 4.070 euro per investimento proposto pari a € 8.140); alla U.M. di Angelo Fantuzzi & C. snc, autoriparazioni elettrauto e gommista in via Diena 21, che ha proposto l’installazione di condizionatore, impianto illuminazione a led, impianto d’allarme, scaffalature, attrezzatura specialistica (ricarica gas per auto – tester pressione pneumatici), un computer per gestione amministrativa e banca dati veicoli (contributo di 5.968,23 euro a fronte di investimento proposto pari a € 11.936,45); alla Estetica Shine di Katia Aurello, in viale Gramsci 340, che ha proposto come interventi nuove attrezzature e arredi, impianto antiintrusione e videosorveglianza, condizionatore, vetrina e insegna luminosa (contributo di 7.445,57 euro per investimento di € 15.836,05).

I due beneficiari di contributi per le nuove attività sono, invece, Gatto Eugenio Manlio, legale rappresentante della società Sovramondo sas con sede in viale Gramsci 259. La società offre servizi di coworking con sei postazioni, formazione e consulenza nell’ambito della Grafica 3d, animazione, postproduzione video, e come interventi per l’ammissione a contributo ha proposto vetrina, pavimenti, porte, infissi, impianto elettrico, allarme antiintrusione, impianto di ventilazione, smart tv, computer, arredi (contributo di 14.214,74 euro per investimento di € 28.429,48); secondo beneficiario è Francesco Sorrenti per Casa Elisa – Dimora Urbana in viale Pio Donati 20, che intende realizzare una struttura ricettiva extra alberghiera (room&breakfast ) dotata di quattro camere con bagno, cucina/living condiviso e reception al piano terra con accesso e vetrina visibile sulle vie Donati e Grandi. Ha proposto interventi per opere murarie, pavimenti, porte e finestre, impianto elettrico e idraulico, quattro nuovi bagni, riscaldamento, vetrina esterna per reception (contributo di 15 mila euro per investimento proposto pari a € 38.077,20).

La seconda finestra entro cui è possibile presentare domande scade lunedì 15 ottobre. Con le informazioni, la documentazione necessaria e i moduli, il bando è online sul sito del Comune (www.comune.modena.it sezione bandi di gara).

I 123 mila 300 euro circa rimanenti per il bando possono essere utilizzati in un’area che comprende, oltre a viale Gramsci, via del Mercato e via Toniolo, le vie Di Vittorio, Donati, Miglioli, Diena, Teglio, Buozzi, Grandi e strada Attiraglio, nel tratto a est della rotatoria. Non può partecipare chi ha già ottenuto risorse per gli interventi di riqualificazione.

Confermato il ruolo di supporto offerto gratuitamente dalle associazioni di categoria ai propri associati: Confesercenti, Confcommercio, Cna e Lapam, infatti, offrono ai soci il servizio gratuito di compilazione e trasmissione della domanda.